PROGETTO AGRIAMBIENTE

COLTIVIAMO
UN BUON AMBIENTE

PSR Basilicata 2014-2020  – Sottomisura 16.5 Avviso Speciale Area Interna Alto Bradano (D.G.R. N.720 del 28/10/2022)
CUP: B63B23000030008

Il progetto

Il progetto si pone l’obiettivo di moltiplicare i benefici ambientali e climatici, mediante la stipula dell’Accordo Agroambientale d’Area (AAA). La proposta è inserita nell’alveo del Parco Culturale Agrario: Biodistretto, che intende promuovere il sostegno alla realizzazione di un Biodistretto fondato su filiere biologiche come fulcro dello sviluppo locale, attraverso la loro integrazione verticale e orizzontale con altre filiere (es. turismo e artigianato). 

L’idea è di quantificare gli effetti del cambiamento climatico sul territorio agricolo, per implementare successivamente tecniche di gestione agronomiche ecocompatibili (smart agriculture, agricoltura di precisione, apporto di sostanza organica, ecc.), e tecniche e prodotti, quali i biostimolanti, in modo da migliorare l’efficienza d’uso dei nutrienti ed il vigore delle piante. Ecosostenibilità dei sistemi colturali consentirà una maggiore efficienza nell’utilizzo dei mezzi di produzione e delle risorse non rinnovabili, aumentando il ritorno economico dell’agricoltore, permettendo la mitigazione dei cambiamenti climatici e adattamento ad essi, l’efficientamento dell’utilizzo delle risorse idriche, la riduzione del dissesto idrogeologico, la preservazione della biodiversità agraria e naturalistica.

Si intende progettare un nuovo sistema di supporto decisionale per la gestione del sistema colturale, con l’obiettivo di incrementare il sequestro del carbonio organico e di ripristinare la funzionalità dei suoli ad uso agricolo, con la concomitante riduzione di emissione di gas serra e il mantenimento quanti-qualitativo dei livelli produttivi con minori consumi energetici. Il modello proposto e consultabile tramite piattaforma Web-GIS consentirà ai singoli agricoltori di effettuare scelte su varietà antiche con tecniche rispettose dell’ambiente, favorendo meccanismi concreti di realizzazione di piccole filiere integrate, che vedranno coinvolti oltre agli agricoltori anche i trasformatori e i consumatori. 

Gli obiettivi del progetto

Obiettivo generale del progetto è garantire la tutela, la conservazione e la valorizzazione dei beni ambientali, paesaggistici, naturali, storici e culturali che comprende i seguenti 3 obiettivi specifici:  

  • Tutelare le risorse ambientali, paesaggistiche, naturali e storiche dell’Alto Bradano garantendone una corretta e sostenibile fruizione odierna e la conservazione per le generazioni future
  • Far conoscere all’esterno le risorse ambientali, paesaggistiche, naturali e storiche dell’area
  • Favorire tra le popolazioni residenti la conoscenza di tutto il territorio dell’Alto Bradano, la capacità di riconoscerne il valore al fine di stimolare la creazione di un nuovo orgoglio territoriale e di una identità comune

Per qualificare la produzione del comparto agricolo operante nel territorio dell’Alto Bradano, sarà, inoltre, necessario sostenere l’ottenimento di marchi di qualità e tracciabilità dei prodotti, la ricerca e il recupero di produzioni tradizionali di qualità abbandonate, dunque sarà necessario soddisfare i seguenti obiettivi:

  • Valorizzare e promuovere le produzioni agroalimentari tipiche e di qualità e il rapporto con territorio e biodiversità
  • Stimolare le aziende agricole alla multifunzione finalizzata alla manutenzione e salvaguardia del paesaggio agrario
  • Favorire il recupero delle produzioni tradizionali di qualità abbandonate
  • Favorire le aziende agricole che si impegnano nel recupero e sviluppo di produzioni che consentono il mantenimento di biodiversità coltivata/allevata nell’area

Le attività del progetto

 

  1. Project management, coordinamento tecnico scientifico e gestione amministrativa e finanziaria: garantire l’efficace gestione amministrativa e finanziaria ed il coordinamento tecnico-scientifico del progetto.

  2. Individuazione aree campioni e metodologia di analisi: individuazione dei siti dimostrativi nell’area di progetto, dove verranno applicate tecniche colturali ecosostenibili proposte dal progetto e quelle convenzionali, al fine di poter realizzare un confronto tra i due sistemi colturali. Oltre al contesto produttivo, per ogni azienda saranno esaminate la gestione del suolo e la gestione fitosanitaria. Saranno individuate le metodologie atte definire i parametri e gli indici più adatti alla stima dei miglioramenti ambientali apportati dalle pratiche adottate e verrà condotta un’indagine conoscitiva presso le aziende aderenti al partenariato, per ottenere informazioni relative alle tipologie produttive presenti e alle criticità ambientali a cui sono sottoposte.

  3. Applicazione dei sistemi colturali ecosostenibili: fornire dati sulle modalità con le quali i sistemi colturali diversificati a bassi input e uso efficiente delle risorse, determinano effetti positivi sulla produzione e sulla qualità delle colture, incrementando le rese e le entrate economiche degli agricoltori; all’interno delle aree campione saranno applicate tecniche di gestione agronomiche ecocompatibili e tecniche e prodotti quali i biostimolanti, per migliorare l’efficienza d’uso dei nutrienti ed il vigore delle piante.

  4. Monitoraggio agroambientale: sia su terreni dove verranno applicati sistemi colturali ecosostenibili sia su terreni con pratiche agricole convenzionali al fine di verificare i miglioramenti ambientali apportati dalle pratiche agricole.

  5. Implementazione di linee guida e manuali tecnici sulle buone pratiche e piattaforma Web-GIS: realizzazione di un manuale tecnico di gestione delle nuove colture e del suolo e di linee di indirizzo per la scelta di biostimolanti ed ammendanti.  In particolare, il manuale tecnico provvederà a: 
  1. a) fornire informazioni sulle varietà di cereali e specie antiche, alla loro coltivazione ed alle corrette tecniche di gestione agronomiche da adottare
  2. b) supportare gli operatori nel controllo della qualità dei suoli agrari, attraverso semplici valutazioni visive o misurazioni in campo

 

  • Attività di divulgazione ed informazione: le attività informative prevedono la realizzazione di convegni, seminari e incontri, al fine di diffondere conoscenza in merito alle opportunità offerte dall’adesione all’Accordo Agroambientale, il Comune Capofila si occuperà degli incontri, raggiungendo un modesto numero di agricoltori


Attività di animazione: seminari formativi, workshop di progettazione partecipata, ed eventi che coinvolgeranno sia i soggetti pubblici, che privati operanti sul territorio. Oltre ad una prima fase di divulgazione, vi sarà una seconda fase di condivisione e supporto nello sviluppo delle operazioni previste

Risultati ottenuti

Grazie ai dati raccolti nei siti dimostrativi, il progetto fornirà evidenze scientifiche riguardo al vantaggio dei sistemi colturali ecosostenibili nel confronto con quelli convenzionali. 

I dati raccolti consentiranno di valutare la fattibilità tecnica ed economica dell’adozione su scala locale dei sistemi colturali efficienti, insieme a informazioni sulla potenziale accettazione dei sistemi colturali ecosostenibili da parte degli stakeholders, e permetteranno di realizzare studi per valutare il potenziale di replicabilità e trasferibilità delle innovazioni del progetto in altri contesti territoriali. 

Il sistema integrato per il monitoraggio dei parametri agroambientali sviluppato nel progetto, verrà testato nelle aree campioni e i dati raccolti saranno utilizzati per la calibrazione e validazione di un modello colturale in relazione ai cambiamenti climatici, che sarà disponibile a fine progetto, consentendo di effettuare simulazioni legate al potenziale di mitigazione dei cambiamenti climatici raggiungibile attraverso un’adozione ad ampia scala dei sistemi colturali innovativi sviluppati. 

Comune di Palazzo San Gervasio

Comune di Forenza

Comune di Banzi

Comune di Genzano

Biodistretto dell’Alto Bradano

Environmental Engineering Services srl

Associazione Mediterranea Agricoltura Biologica

Cluster Lucano di Bioeconomia

GAL Lucus – Esperienze Rurali srl

Consorzio di Cooperative O.P. del Mediterraneo

News

Ciao mondo!

Benvenuto in EXO RICERCA NETWORK. Questo è il tuo primo articolo. Modificalo o eliminalo, e inizia a creare il tuo blog!

Leggi Tutto »

Ciao mondo!

Benvenuto in EXO RICERCA NETWORK. Questo è il tuo primo articolo. Modificalo o eliminalo, e inizia a creare il tuo blog!

Leggi Tutto »